In queste settimane di emergenza e isolamento forzato per evitare un aumento dei contagi da Coronavirus, è la casa il luogo più sicuro e sereno. Ci stiamo trascorrendo la maggior parte delle nostre giornate, anzi: molte persone vi passano tutto il tempo perché stanno anche lavorando da casa.

Ma allora, come rendere sicure e confortevoli al 100% le nostre abitazioni? Sia per evitare che il ripetersi di una simile pandemia ci trovi impreparati che per sfruttarle al meglio, senza mettere a rischio noi stessi e senza danneggiare l’ambiente?

Gli accorgimenti e gli interventi non sono mai troppi, si sa! E se per alcuni lavori andrebbe coinvolto l’intero condominio, o comunque è richiesto un intervento autorizzato e svolto da terzi, ci sono piccole modifiche e attenzioni che possiamo attuare noi stessi.

A cominciare dalla cura o sostituzione di elettrodomestici e impianti tecnologici ormai obsoleti o non a norma, che provocano inquinamento, spreco di energia, dispersione di calore e addirittura rischi per la nostra salute.

Installare sistemi per la produzione di energia da fonti rinnovabili e per il controllo dei consumi; controllare la temperatura e la qualità dell’aria in casa; prevedere sistemi e dispositivi che aumentino il comfort domestico e migliorino la rete Wi-Fi; prevedere sistemi che possano garantire telemedicina in casa o la cura di ammalati; interventi per adeguare le abitazioni ad attività di smart working e homeschooling; adottare misure per la creazione di ambienti asettici per il delivering di prodotti acquistati con l’e-commerce; riqualificare e migliorare gli spazi verdi condominiali e le strutture dedicate ad anziani, persone con handicap e bambini…

Insomma: sono tanti gli aspetti da poter migliorare e gli interventi da intraprendere.

Potremmo cominciare con l’approfittare di questi giorni per farci un piano e programmarne qualcuno! Che ne dite?