Rendere automatico il bonus luce e gas per fare in modo che venga riconosciuto a tutti gli aventi diritto.

È quanto richiesto dall’onorevole della Lega Barbara Saltamartini attraverso un emendamento alla Legge di Bilancio. Le due riduzioni in bolletta sono state introdotte proprio dal Governo, d’intesa con l’Autorità ARERA e in collaborazione coi Comuni, per limitare la spesa per l’energia di tutte le famiglie che già versano in condizioni di particolari disagi economici.

Ma dalle indagini degli ultimi anni risulta che meno di 1/3 degli aventi diritto richiede tali bonus, a causa di una procedura troppo lunga e complessa. Eppure, stando all’ultimo rapporto Istat, aumenta sempre più il numero di famiglie italiane colpite da povertà energetica: oltre 9 milioni di persone!

Da qui la richiesta di rendere automatica la concessione dei bonus già dal prossimo 1 aprile, senza aspettare che l’interessato presenti formale richiesta. Il testo della Lega, infatti, propone che gli aventi diritto debbano solo aver presentato “la Dichiarazione Sostitutiva Unica per una prestazione o un servizio di natura sociale/assistenziale e abbiano un Isee in corso di validità compreso nei limiti previsti dalla legge e variabile in base alla composizione del nucleo familiare. Per rendere automatica l’assegnazione del bonus l’Inps dovrà trasferire le informazioni utili al Sistema informativo integrato gestito da Acquirente Unico Spa, secondo criteri e condizioni definiti con decreto dai Ministeri del Lavoro e dello Sviluppo economico, con il consenso dell’Autorità per l’Energia. Quest’ultima dovrà definire le modalità operative d’intesa con Inps e Acquirente Unico Spa”.

Un emendamento che ha subito raccolto il plauso di Federconsumatori, che più volte aveva sollecitato il Governo a prendere seri provvedimenti per porre freno al dilagare del fenomeno di povertà energetica. «Un provvedimento indispensabile e dovuto – commentano i vertici –, che si tradurrebbe in un importante strumento di sostegno alle famiglie in difficoltà, aiutandole a far fronte alle spese per le bollette di energia e gas». Anche Adiconsum ha apprezzato la proposta, sollecitando che diventi al più presto reale e che coinvolga anche il bonus acqua.