Bonus gas

Il Bonus Gas è uno sconto sulla bolletta del Gas introdotto dal Governo e reso operativo con la collaborazione dei Comuni, al fine di garantire un risparmio alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose. Il bonus è cumulabile con quello sull’elettricità.
Per quanto riguarda la fornitura nell’abitazione di residenza anagrafica, il Bonus consente alle famiglie con redditi bassi di ottenere “riduzioni” della bolletta.

CHI NE HA DIRITTO

Possono ottenerlo: clienti domestici con ISEE non superiore a 8.107,5 euro; famiglie con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20mila euro (si tratta degli stessi parametri utilizzati per il bonus elettrico); clienti domestici con misuratore gas di classe non superiore a G6 (la classe del misuratore è collegata alla quantità di gas che può essere trasportata in un punto di fornitura e distingue le utenze domestiche da quelle di tipo industriale o commerciale. Questo parametro viene verificato dal distributore). Questo sconto è riservato sia ai clienti che hanno stipulato un contratto di fornitura individuale (chiamati clienti domestici diretti, ovvero clienti direttamente titolari di un contratto di fornitura di gas naturale per l’abitazione, a carattere familiare, di residenza), sia a coloro i quali utilizzano impianti condominiali (i clienti domestici indiretti, ovvero non direttamente titolari di un contratto di fornitura di gas naturale per l’abitazione di residenza. Si tratta di persone che per i propri usi domestici utilizzano un impianto a gas naturale di tipo condominiale). Per tutti i clienti che hanno sottoscritto direttamente un contratto per la fornitura di gas naturale il bonus sarà riconosciuto come una componente in deduzione nelle bollette; per coloro che invece usufruiscono di impianti centralizzati di riscaldamento, ma non hanno un contratto diretto di fornitura, il bonus sarà riconosciuto attraverso un bonifico intestato al beneficiario. Sono esclusi: gli utilizzatori di sola energia elettrica e/o combustibili diversi dal gas naturale (GPL, gas in bombole…) e gli utilizzatori di teleriscaldamento.
Il bonus gas è riconosciuto indipendentemente dal gestore con cui è attivo il contratto di fornitura, perciò continua ad essere valido anche in presenza di cambio di fornitore, così come in caso di cambio di residenza del cliente che ha presentato la richiesta.

COME RICHIEDERLO

Per richiedere il beneficio, oltre all’attestazione ISEE, occorre presentare al CAF ACLI anche la bolletta del gas o, in caso di impianto centralizzato, i dati forniti dall’Amministratore del condominio (codice PDR e intestatario dell’utenza).
Per consultare e scaricare i moduli richiesti, CLICCA QUI

QUANTO VALE IL BONUS GAS PER DISAGIO ECONOMICO?

Gli importi previsti sono differenziati rispetto alla categoria d’uso associata alla fornitura di gas, alla zona climatica di appartenenza del punto di fornitura e al numero di componenti della famiglia anagrafica (persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi la medesima residenza). Il valore del bonus è aggiornato annualmente da ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, entro il 31 dicembre dell’anno precedente.

COME, E PER QUANTO TEMPO, VIENE CONCESSO IL BONUS?

In caso di condizioni di disagio economico, il diritto al bonus ha una validità di 12 mesi; al termine di tale periodo il cliente dovrà presentare una nuova domanda per ottenere l’eventuale rinnovo, accompagnata da una certificazione ISEE aggiornata che attesti il permanere delle condizioni di disagio economico.
Un aumento o una diminuzione del reddito o del numero dei componenti non varia l’importo del bonus durante i 12 mesi ma potrebbe incidere al momento del rinnovo della domanda.
Le modalità di erogazione variano a seconda che si tratti di un impianto individuale (cliente diretto) o di un impianto centralizzato (cliente indiretto).
Per i clienti diretti il bonus viene concesso attraverso la bolletta del gas e l’ammontare annuo è suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda. Per i clienti indiretti l’erogazione avviene in un’unica tranche attraverso un bonifico domiciliato, ovvero un sistema di pagamento per cui il titolare del bonus, a seguito dell’accettazione della sua istanza, dovrà recarsi in un ufficio postale con il documento di identità e il codice fiscale per ritirare la somma di denaro che gli è stata riconosciuta.

COMUNICAZIONE DELLA CONCESSIONE DEL BONUS

Ai clienti diretti la concessione del bonus gas viene comunicata in bolletta. L’importo relativo all’applicazione del bonus viene indicato in dettaglio in ogni bolletta (nella sezione totale servizi di rete – quota fissa), per tutto il periodo in cui se ne beneficia.
I clienti indiretti vengono informati da SGAte – Il Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Energetiche, che consente ai Comuni italiani di adempire agli obblighi legislativi in tema di compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di energia elettrica e di gas naturale dai clienti domestici disagiati – dell’accettazione della domanda e della data a partire dalla quale potranno riscuotere il bonifico alla posta.

Sede Operativa:
Via Nazionale Appia, 55 - 81022 Casagiove (CE)

Tel: +39 06 22200700
Fax: +39 06 98960343

Sede Legale:
Via Bonifacio Lupi, 14 - 50129 Firenze
Tel: +39 055 0981920
Fax: +39 055 0981921
Pec: mylifegaspowersrl@legalmail.it
E-mail: info@mylifegasepower.it